xxx








xxx

Consegnate a 115 aziende e operatori i riconoscimenti CETS - Fase Due

Assegnato lo step avanzato della Carta Europea per il Turismo Sostenibile nelle Aree Protette

20 Dicembre 2018

 

Le Aree Protette italiane sono luoghi di grande bellezza, di natura, di paesaggi. Territori dove, insieme a flora e fauna da tutelare, ci sono comunità operose e dove è possibile praticare un turismo rispettoso dell'ambiente. In questa prospettiva oggi a Roma, presso il palazzetto delle Carte Geografiche, è  stato conferito  il riconoscimento per la Fase Due della CETS, la Carta Europea del Turismo Sostenibile Aree Protette a centoquindici tra imprese e operatori del settore di sei Parchi. La CETS è un riconoscimento  che delinea il quadro di azioni per lo sviluppo delle attività turistiche nelle A. P. La consegna è avvenuta ad opera di  Federparchi -Europarc Italia insieme ai  Parchi Nazionali di Abruzzo Lazio e Molise; Dolomiti Bellunesi; Foreste Casentinesi; Cinque Terre;  Pollino e al Parco Regionale dei Colli Euganei.  Federparchi, con il contributo del Ministero dell’Ambiente e delle stesse Aree Protette, segue gli enti parco nell’iter di attribuzione della CETS, che si articola in tre fasi che vanno dal coinvolgimento degli operatori turistici locali e di tutti i soggetti interessati sul territorio, sino ai tour operatori globali.

Alla consegna ha partecipato la dott.ssa Carmela Giarratano, direttore generale del Direzione Protezione Natura e Mare del Ministero dell’Ambiente. Il presidente di Federparchi Giampiero Sammuri ha commentato: “Ogni anno abbiamo nelle A.P. 27 milioni di presenze turistiche, una filiera che conta 105mila posti di lavoro e un valore di 5,5 miliardi. Le Aree Protette hanno il compito di salvaguardare gli habitat e di trovare il giusto punto di equilibrio fra la conservazione e le necessità di sviluppo, che deve essere rigorosamente improntato alla sostenibilità ambientale.”

Per Enzo Lavarra, consigliere di Europarc Federation e vicepresidente di Federparchi: “È motivo di orgoglio il raggiungimento della Fase Due della Cets sia per i parchi che per le imprese e gli addetti del comparto. Il turismo sostenibile nelle Aree Protette è un modello di sviluppo da esportare ben oltre i loro perimetri. Questo ci incoraggia a perseguire un traguardo ancora più ambizioso: quello della fase tre della CETS che consente di inserire i pacchetti delle nostre imprese nei circuiti internazionali dei tour operators e delle piattaforme digitali.”

 

IUCN
Versione ItalianaEnglish VersionDeutsche ÜbersetzungVersion française
La newsletter di Federparchi

© 1995/2019 - Federparchi - Via Nazionale 230 - 00184 Roma - p.iva 02623250400