xxx








xxx

Terremoto, le aree protette per la ripresa dei territori e delle comunità colpite

11 Aprile 2018

“La terra ha tremato e continua a tremare nell’Italia centrale,  ricordandoci i tragici eventi di due anni fa  e la necessità di velocizzare la ricostruzione. Proprio ieri Federparchi  aveva convocato il coordinamento regionale delle Marche, che si è svolto a Fabriano, dopo un  incontro  il giorno precedente dedicato all’Area  protetta di Gola della Rossa e Frasassi. Trovandomi sul posto ho vissuto in diretta la scossa.

La riunione è stata l’occasione per ribadire il ruolo che i Parchi Nazionali e  le Aree naturali protette  possono svolgere per contribuire alla ripresa dei territori colpiti dal sisma. Parchi  ed aree protette  sono  luoghi fondamentali per la conservazione della natura, ma sono anche luoghi di sviluppo sostenibile che aiutano l’economia del territorio e tengono insieme le comunità: quello di cui c’è particolarmente bisogno nelle zone del cratere, dove molti dei comuni colpiti ricade all’interno di aree protette. Turismo sostenibile, beni culturali, filiera agroalimentare di qualità, innovazione tecnologica  possono convivere con le  bellezze della natura e possono  essere il volano di un rilancio e di una ricostruzione non solo materiale ma anche economica, sociale  ed ecosostenibile”.

E’ quanto dichiara Giampiero Sammuri presidente di Federparchi che  lunedì 9 e martedì 10 si trovava a Fabriano per una iniziativa pubblica sull’area protetta Gola della Rossa e Frasassi e per la successiva riunione del coordinamento regionale Federparchi delle Marche

IUCN
Versione ItalianaEnglish VersionDeutsche ÜbersetzungVersion française
La newsletter di Federparchi

© 1995/2018 - Federparchi - Via Nazionale 230 - 00184 Roma - p.iva 02623250400